New Balance 890V5 recensione

Pubblicato il: 01/01/2016

Dopo le gloriose Nike Pegasus Racer degli anni 90 ho ricomperato una scarpa da gara, e questa è la recensione delle New Balance 890V5, ho deciso per una scarpa non leggerissima e non estrema, dato che i miei ritmi non sono più quelli di una volta e il mio peso si attesta sui 69 kg, quindi credo che una scarpa di questo tipo sia il massimo che il mio fisico si possa permettere. Poi più che una scarpa da gara la classificherei come una scarpa adatta a ritmi più rapidi.

Cominciando con l'analisi statica partiamo dai colori, come da moda attuale sono impressionanti e per niente sobri, il mio paio è di un giallo verde tipo ramarro brillante, e quando ci sono andato in giro sotto la tuta 2 giorni per rodarle devo dire che spiccavano proprio. Messe sulla bilancia elettronica sono risultati 271 grammi la sinistra e 276 gr. la destra misura 10,5 USA. Se consideriamo che era l'ultimo numero rimasto e per questo offerte a solo 58 euro spedite a casa non sono andato troppo per il sottile. hanno un drop 8 e la Tomaia senza cuciture e inserti termosaldati per evitare sfregamenti e fastidiose irritazioni. Il tallone è decisamente alto, fasciante e preciso e durante la corsa non causa fastidiosi sfregamenti.

Ultimamente uso solo 2 marche per scarpe da corsa (tralasciando le Salomon xr Crossmax2 da trail) le Asics e le New Balance. di questa ultima marca ho la serie 8, le New Balance 880, e le New Balance 1080; ora con le New Balance 890 il cerchi si chiude. Prendendo in considerazione i vari modelli diciamo che le 880 sono da lungo tranquillo robuste e con un grosso potere ammortizzante unico guaio che durano pochi km prima di demolire l'intersuola. Le 1080 invece sono più tecniche, hanno una maggiore propensione ai ritmi veloci e abbastanza reattive, infatti io le usavo come scarpa da gara. 

Parliamo ora in dettaglio delle 890:

Al piede calzano molto bene, fasciano il tallone e l'avampiede come un guanto, la pianta è normale, come le 880, mentre la 1080 è più larga. Il bello di queste scarpe appena indossate è che sembra di indossare scarpe da passeggio, tanto ci si sente a proprio agio, sono decentemente ammortizzate per essere una A2, come prima impressione è stata una cosa buffa, ero appena rientrato da un medio con le Asics Nimbus 17 e trovo il pacco con le scarpe nuove, e la prima cosa che ho fatto è stato indossare una sola scarpa per confrontandola con la scarpa più morbida e ammortizzante che esiste. Bene il confronto è impietoso, sembrava di avere un mocassino con suola in cuoio se confrontato all'altra scarpa, ma la cosa è normale.

Muovendo i primi passi a parte l'altezza differente che da fastidio muoversi con un piede più alto dell'altro si nota meno la differenza di morbidezza. sono molto più fascianti delle Nimbus e il confronto finisce qui. Le ho messe al piede per 2 giorni camminandoci per strada e a parte il colore non hanno creato problemi, erano e sono una normale scarpa tecnica. Il terzo giorno testate su strada. parto per un fartlek leggero, prima riscaldamento, poi medio, e alcuni km rapidi e qualche 500 veloce. Ci ho fatto 10 km e non ho avuto nessun risentimento o problema.

Anche per il ritmo lento si sente l'indole della scarpa, io normalmente appoggio di pianta piena, ma con queste 890 mi sembra che l'appoggio si sposti ancora più avanti, e questa impressione viene confermata ancora di più alzando i ritmi, quando ho fatto un paio di km a 4,15 la corsa era spostata decisamente in avanti e la reattività della scarpa era superba, avevo dimenticato completamente cosa vuol dire indossare una scarpetta veramente reattiva, beninteso a me non serviva, nel senso stretto del termine, ma visto che i 10km li faccio a circa 4,35/km, peso 69 kg, appoggio neutro perfetto ( fatto il test Precision Fit Mizuno) credo che posso permettermelo, almeno come sfizio.

Poi parliamoci chiaro non sono scarpe da gara estreme, ammortizzano molto bene per essere di categoria A2 e pesano abbastanza, se pensiamo che le New Balance 980 sono delle A3 e sono più leggere di queste abbiamo detto tutto, (anche se questa cosa non l'ho capita). Adesso che sono rodate e collaudate le userò al posto delle 1080, per le gare e per i ritmi veloci, sperando che mi regalino 2-3 secondi al km come dicono i manuali, lo so sono ridicolo a parlare così ma che volete farci siamo i fanatici dei numeri, tanto che un collega runner mi ha soprannominato il numeraio! poi se fossero 3 secondi si traducono in  mezzo minuto in meno su 10km che non sono per niente da buttare.

Concludendo:

Scarpa ammortizzata e performante adatta a corridori sotto i 5,00/km con appoggio neutro e con corsa efficiente. Va usata per gare brevi  e allenamenti veloci, (da sperimentare sulla mezza maratona) parlando sempre di gente normale non corridori da 3,20/km che fanno le maratone con le A1, quelli sono di un'altra razza e appoggiano il piede in modo quasi impalpabile! Il pregio di questa scarpa è quello di offrire leggerezza con protezione decente e ammortizzazione, quindi se siete un corridore con queste caratteristiche ve la consiglio decisamente, sicuramente non ve ne pentirete.

 


Vota: 4.1 / 5 stelle su 5 voti - Categoria: Corsa a piedi
comments powered by Disqus